stella-10

                         

Mangia bene e cresci meglio!!

Cuoccio Francesco e Cioce Vincenzo

 

          stella-10

 
                   

 

 Essere magri è necessario per essere sani.

Il sovrappeso (valutato in maniera più rigida di altri modelli) è una patologia. Molte indicazioni alimentari (limitare i grassi saturi, limitare gli zuccheri ad alto indice glicemico, bere tot litri di acqua al giorno, assumere molte fibre ecc.) sono del tutto inutili perché in un corpo forte il solo vincolo del sovrappeso limita praticamente ogni posizione salutisticamente errata. La dieta italiana fissa nuovi e più realistici limiti di sovrappeso.

 Sport e alimentazione sono un binomio indissolubile.

È inutile "consigliare" di fare attività fisica, quando si sa benissimo che senza fare sport un soggetto in sovrappeso non riuscirà mai a rientrare in peso a causa di restrizioni troppo pesanti nella sua dieta. Meglio avere il coraggio di dire che fare sport è necessario.

 Sapere cosa si mangia.

Guidereste un aereo semplicemente seguendo le indicazioni di un ottimo pilota dalla torre di controllo? Non penso; penso invece che prima decidereste di imparare a volare. Eppure milioni di persone si illudono di mangiare bene semplicemente seguendo schemi desunti da un giornale o dalla consulenza di un dietologo che le ha forniti di qualche paginetta di pranzi di riferimento. Senza una coscienza alimentare ogni dieta, ogni stile alimentare è destinato al fallimento.

 Eliminare i cibi chimici nocivi.

La dieta italiana non demonizza nessun cibo purché non sia provata la sua nocività. In particolare elimina i cibi contenenti grassi trans, in particolare grassi/oli vegetali idrogenati (margarina compresa) e conservanti nocivi (come i nitrati e i nitriti dei salumi e della carne in scatola); limita l'impiego di quelli con etichetta nutrizionale non chiara, per esempio recante ingredienti non meglio identificati come "grassi vegetali" o "oli vegetali", oppure con ingredienti che servono solo per ingannare il consumatore (coloranti, esaltatori di sapidità come il glutammato, polifosfati ecc.).

 

 

alimen16
 

 la_dieta_italiana. .

 Che cos' è la dieta?
obesità infantile.

 

obesità e diabete.

 

       
               
        alimen-17    
                   
        alimen-18    
            alimentazione-piramide    
   

cloro, magnesio, zolfo, zinco, selenio

minerale

funzioni e fabbisogno

fonti

sintomi da eccesso

sintomi da carenza

cloro

Mantenimento della pressione osmotica, componente del succo gastrico. Il fabbisogno è prossimo ai 700 mg al giorno.

Alimenti salati con sale da cucina, frutta.

Ipertensione.

In situazioni fisiologiche normali è alquanto improbabile, tuttavia la conseguente ipocloremia da carenza può determinare alcalosi.

magnesio

E’ implicato nel metabolismo proteico, lipidico ed energetico. Come per il calcio aiuta al mantenimento del potenziale di membrana. Il fabbisogno è di 200-300 mg al giorno

Cereali integrali, verdura, frutta secca.

In caso di buona funzionalità renale è alquanto improbabile, si manifesta con dissenteria, ipotensione, alterazione della frequenza cardiaca.

Estremamente rara, si manifesta con astenia, ritardi nell’accrescimento, spasmi muscolari.

zolfo

Regola l’equilibrio acido-base e non è noto il suo fabbisogno giornaliero.

E’ presente negli aminoacidi cisteina, cistina e metionina, pertanto è ricavato dall’assunzione di sostanze proteiche.

Non sono noti.

Non sono noti.

zinco

E’ un componente di numerosi enzimi coinvolti nella sintesi proteica, regola la funzionalità tiroidea, ha qualità antiossidanti. 3mg al giorno rappresentano il fabbisogno nell’adulto.

Carni, pesce, uova. E’ presente anche in alimenti di origine vegetale ma la biodisponibilità è inferiore. 

Nausea, vomito, febbre.

Problemi di accrescimento generale e delle gonadi.

selenio

E’ un importante antiossidante ed è un elemento indispensabile per la corretta funzionalità di alcune ghiandole endocrine. Il fabbisogno giornaliero è di circa 35 µg in individui adulti.

Pesce, frattaglie, cerali, carne.

Disturbi gastrointestinali, problemi respiratori, alopecia, problemi neurologici, carie.

Problemi cardiaci, fragilità degli annessi cutanei, sterilità maschile.